Canestrelli

staffettaincucina

Dopo la pausa natalizia eccoci di nuovo con l’appuntamento mensile dello scambio ricette delle Bloggalline, questo splendido e ironico gruppo di blogger di cui facciamo parte.

Questa volta andiamo a trovare Terry del blog “I pasticci di Terry”. Vi invitiamo a visitare il suo sito, in questo modo scoprirete tante belle ricette. Avrete solo l’imbarazzo della scelta!

Noi abbiamo optato per i Canestrelli, i famosi biscottini ricoperti di abbondante zucchero a velo. Se anche voi li amate, correte a comprare gli ingredienti e a provare questa facile ricetta. Non ve ne pentirete!

Consiglio: fate dose doppia!!!

staffettaincucina

 

Tempo di preparazione: 30 minuti ca + 25 minuti di cottura + 1,5 ora passiva

Difficoltà: facile

Ingredienti per 25-30 biscotti circa

 3 uova

125 g di farina 00

125 g tra fecola di patate e amido di mais (o anche solo uno dei due)

150 g di burro

75 g di zucchero a velo

1 bustina di vanillina (o buccia grattugiata di un’arancia bio)

1 pizzico di sale

zucchero a velo per decorare

Per prima cosa mettete le uova in un pentolino, coprite di acqua fredda e al bollore cuocete per 10 minuti. Copritele di acqua fredda e lasciate raffreddare, poi sbucciatele e prelevate solo il tuorlo.

Mettete in una ciotola o nella planetaria la farina, la fecola e l’amido di mais, lo zucchero a velo, il pizzico di sale, la buccia d’arancia grattugiata, le uova sode schiacciate bene e il burro a pezzetti (un po’ morbido).

Impastate rapidamente per non scaldare troppo l’impasto, fate un panetto e avvolgetelo nella pellicola. Mettete in frigo per un’ora, un’ora e mezza (dipende dalla stagione).

Quindi riprendete il panetto e stendete l’impasto allo spessore di 1 centimetro circa. Con lo stampo a margherita (o altro a vostro piacimento), fate tante formine che adagerete sulla teglia coperta da carta forno.

Cuocete in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Attenzione che si devono appena dorare e non colorire troppo.

Appena sfornati spolverate con abbondante zucchero a velo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *