Gnocchi di zucca

staffetta in cucina
È da un po’ di tempo che avevamo questa ricetta nel cassetto, ma… c’è sempre un ma. L’ultima volta avevamo fatto le foto di tutti i passaggi, mancava solo la foto finale con gli gnocchi impiattati, ma non abbiamo fatto in tempo perché erano così buoni che sono spariti in un battibaleno!
La zucca perfetta per questa ricetta è la zucca violina, cioè quella lunga e stretta, perché non troppo acquosa. La dose è per un chilo di purea, ma si può moltiplicare secondo le necessità e la zucca!
Tempo di preparazione: 1 ora circa
Difficoltà: facile
Ingredienti
  • 1 kg di zucca (già pulita)
  • 200 g di farina
  • 1 uovo
  • noce moscata
  • sale e pepe
  • burro
  • salvia
  • semi di papavero
  • parmigiano
Lavate e pulite la zucca, pesatela e tagliatela a dadini. Mettete la zucca su una teglia da forno, salate rigirando un po’ i pezzi e infornate per mezz’ora circa a 200° in forno ventilato (se il vostro forno non ha questa funzione, lasciate cuocere la zucca ancora un ulteriore quarto d’ora).
A questo punto passate la zucca nel passaverdure, lasciate raffreddare la purea*, quindi aggiungete la farina, l’uovo, una spolverata di noce moscata e infine il sale e il pepe. Mescolate accuratamente il composto.

 

A parte portate a bollore l’acqua salata. Con l’aiuto di 2 cucchiaini da tè fate delle palline della grandezza di una noce e fatele scivolare nell’acqua. Come per tutti gli gnocchi, sono pronti quando vengono a galla. Man mano scolateli con cura e metteteli in una pirofila unta di burro.

 

Contemporaneamente sciogliete in un pentolino un po’ di burro con una manciata di foglie di salvia. Con questo sughetto irrorate gli gnocchi e passateli in forno caldo (180°) per 10-15 minuti, il tempo sufficiente ad asciugare l’eventuale acqua di cottura residua. Si servono con abbondante parmigiano e una spolverata di semi di papavero.

Questo passaggio in forno non è indispensabile, noi lo facciamo, oltre che per il summenzionato motivo, perché ci piace mangiare tutti insieme e non a rate come purtroppo succede con gli gnocchi. E poi, se hai ospiti, mica puoi rimanere in cucina tutto il tempo, altrimenti che padrona di casa sei?* Se volete potete preparare la purea il giorno prima e lasciarla sgocciolare avvolta in uno strofinaccio. In questo modo gli gnocchi saranno ancora meno acquosi e quindi più consistenti!

27 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *