Le palle dei Medici

Non stiamo dicendo niente di sconcio, non vi preoccupate! In realtà si tratta di semplicissimi gnocchi di ricotta e spinaci. Allora vi chiederete: cosa c’entrano le palle dei Medici?
Primo indizio. Non si tratta di dottori, bensì della famosa famiglia fiorentina. A una cena a casa nostra, presentando questi gnocchi, un invitato toscano esclamò: “Ma queste sono le palle dei Medici. E, analogamente al loro stemma, ne vanno servite solo 6”.
Così, da quel giorno, questi gnocchi sono stati da noi ribattezzati con questo nome. Ovviamente, da golosi/e quali siamo non ci limitiamo mica a mangiarne solo 6, ma ci sembrava carino presentarle in foto secondo questa usanza!
A noi questa storia è piaciuta molto, ma non sappiamo se risponde al vero. Amiche toscane, voi che ne dite?
Tempo di preparazione: 1 oretta
Difficoltà: facile
Ingredienti (dosi per 5-6 persone)
  • 600 g di ricotta
  • 2 uova
  • 450 g di spinaci surgelati (noi usiamo quelli già tritati)
  • 6 cucchiai di farina
  • sale
  • noce moscata
  • sugo di pomodoro
Scongelate gli spinaci e asciugateli in padella ripassandoli con una noce di burro. In una terrina mescolate la ricotta con le uova, gli spinaci, i 6 cucchiai di farina, sale e noce moscata.
Con l’aiuto di un cucchiaino formate delle palline (grandi più o meno come una noce) e infarinatele. Nel mentre, fate bollire l’acqua, salatela e tuffate gli gnocchi pochi alla volta. A mano a mano che vengono a galla, raccoglieteli con una schiumarola e fateli sgocciolare bene.
Trucchetto: invece di servire subito gli gnocchi un piatto alla volta, preferiamo ripassarli in forno sia per asciugarli meglio, che per sederci a tavola tutti insieme. Quindi, mettete un po’ di sugo sul fondo di una teglia, disponete gli gnocchi e sopra aggiungete ancora un po’ di sugo.

Cuocete in forno per 10-15 minuti circa a 180°. In alternativa si possono mettere anche nel microonde per 2-3 minuti. Servite con dell’altro sugo (in una salsiera) e abbondante parmigiano. Volendo, si possono condire anche con burro e salvia.

14 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *